Prova su strada della Smart Micro Hybrid Drive. Test drive e caratteristiche tecniche della city car con motore elettrico che promette consumi di benzina assai ridotti.

Nella corsa appena iniziata alla realizzazione di auto ibride capaci di rivaleggiare con quelle alimentate in modo tradizionale, Smart non resta in seconda linea. A partire dal 15 ottobre verrà immessa sul mercato la nuova Smart Micro Hybrid Drive.

Questa nuova Smart, con il restyling recente, ha saputo incontrare il gusto del pubblico italiano, al punto da vendere circa 15000 auto nei soli tre mesi successivi al varo della nuova versione. Sul piano estetico la Smart Micro Hybrid Drive è indistinguibile da una normalissima Smart a benzina.
Dal punto di vista tecnologico, invece, l’auto permette di spegnere in automatico il motore durante i momenti di esercizio al minimo, riducendo sensibilmente i consumi, i tassi di inquinamento e il rumore. L’anima del sistema è nell’alternatore/starter che svolge contemporaneamente le funzioni di motorino di avviamento e dinamo. Appena il conducente rilascia il pedale del freno viene acceso in una frazione di secondo il motore a combustione interna.

Per ottimizzare il risultato in termini di vantaggi d’esercizio sono stati anche modificati alcuni rapporti di trasmissione. In questo modo la vettura è in grado di risparmiare mediamente l’8% di carburante rispetto al modello a propulsore classico: 4,3 litri per cento chilometri contro i 4,7 del modello standard. Le emissioni di anidride carbonica passano invece da 112 grammi a circa 103 grammi per chilometro.

Il motore eroga una potenza di 71 cavalli con coppia massima di 92 Nm a 4.500 giri/min, permettendo alla Smart di raggiungere la velocità massima di 145 Km/h e accelerare da 0 a 100 Km/h in 13,3 secondi.

Su strada l’auto è brillantissima e precisa, molto agile e capace di tenere aderenza sull’asfalto come un go-kart. Estrema maneggevolezza e prevedibilità nel comportamento rendono questa vettura straordinaria per muoversi con disinvoltura in mezzo al traffico cittadino. Il cambio è forse il vero tallone d’Achille della Smart, un po’ troppo lento nelle cambiate, ma va detto che in questa nuova versione parte del problema che assillava la vecchia edizione è stato risolto, non dando modo al guidatore di accorgersi di nessun problema.

Video: Nuova Smart - spot pubblicitario

1 COMMENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato nè utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply

1 Commento

  •  
    luciano cursi
    03/08/2014 alle 18:37:17

    la nuova smart che uscirà tra poco sarà anche ibrida? grazie per una vostra eventuale risposta L Cursi

T2 = 0.0000
T3 = 0.0000
T4 = 0.0000
T5 = 1,562.5000
T6 = 1,562.5000
T7 = 1,562.5000 > 73007.49 > 73007.48