• Martedì 13 Novembre 2018 alle 10:59
Milano: da febbraio 2019 al via Area B. Divieti e cosa cambierà?

Blocco delle auto diesel Euro 3 e dal 2010 anche delle Euro 4 con l'avvio dell'Area B a Milano. Si partirà dal prossimo 25 febbraio 2019, con l’istituzione, appunto dell'Area B, che si affiancherà all’Area C e che prevederà traffico limitato con divieto di ingresso e circolazione dal lunedì al venerdì per i veicoli diesel, compresi i furgoni da lavoro, omologati dalla classe Euro 0 alla Euro 3 e i benzina Euro 0. Gli orari del blocco saranno dalle 7:30 alle 19:30 ma sabato e domenica anche nella zona dell’Area B potranno circolare tutti i veicoli, anche quelli interessati dall’obbligo.

Per tenere sotto controllo l’Area B il Comune ha predisposto un nuovo piano di installazione telecamere (in tutto 188 entro il 2020), partendo da 15 telecamere che dal 25 febbraio saranno disposte in corrispondenza delle vie Anassagora, Pirelli, Sarca, Giuditta Pasta, Gallarate, Tofano, Basilea, Zurigo, Gonin, Baroni, Cassinis, Rogoredo, Carlo Feltrinelli, Mecenate, Fantoli. Entro marzo si aggiungeranno alle prime 15 altre 78 telecamere. Nei primi dodici mesi dall’entrata in vigore del divieto di accesso che riguarda la propria vettura saranno concessi ingressi di un giorno a tutti, anche i non residenti e solo dopo scatteranno le multe, che partiranno da un minimo di 80 euro. Esente dal provvedimento chi trasporta malati gravi.

Tuttavia, il Comune di Milano ha reso note delle deroghe stabilite per l’Area B, stabilendo che a residenti e i dipendenti delle aziende con sede operativa a Milano saranno concessi 25 accessi all’anno, ognuno valido per un giorno. La deroga di 25 accessi varrà anche per chi guida un'auto storica con almeno trent'anni, purché dotata del certificato di rilevanza storica. Ai non residenti e a chi lavora per un'impresa con sede operativa fuori Milano saranno, invece, concessi 5 accessi.

Dunque, dal prossimo 25 febbraio 2019 sarà vietata la circolazione ad autoveicoli Euro 0 benzina, Euro 0 diesel senza FAP, Euro 1 diesel senza FAP, Euro 2 diesel senza FAP, Euro 3 diesel senza FAP, Euro 3 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,025 g/km o senza valore nel campo V.5 carta circolazione, Euro 0, 1, 2, 3 diesel con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro 4; veicoli immatricolati per il trasporto delle merci Euro 0 benzina o diesel senza FAP, Euro 1, 2, 3 leggeri e Euro 1, 2, 3 pesanti diesel senza FAP, Euro 3 leggeri diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,025 g/km o senza valore nel campo V.5 carta circolazione, Euro III pesanti diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,02 g/kWh oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione, Euro 0, 1, 2, 3 leggeri diesel con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro 4, ed Euro 0, I, II, III pesanti diesel con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro IV

Circolazione vietata anche a ciclomotori a due tempi di classe Euro 0 ed Euro 1 e motoveicoli a due tempi di classe Euro 0 ed Euro 1. Dal primo ottobre, poi, lo stop varrà anche per veicoli Euro 4 diesel senza FAP, Euro 3, 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,045 g/km, Euro 4 diesel con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione, Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato dopo 31 dicembre 2018 e con classe massa particolato almeno Euro 4 ciclomotori e motoveicoli a gasolio di classe Euro 0 ed Euro 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato nè utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply
T2 = 0,0000
T3 = 0,0000
T4 = 0,0000
T5 = 0,0000
T6 = 0,0000
T7 = 0,0000 > 10158,16 > 10158,16