• Lunedì 22 Giugno 2015 alle 9:59
Autovelox: Corte Costituzionale boccia le multe. Necessaria periodica manutenzione. Al via richieste di risarcimenti

‘Qualsiasi strumento di misura, specie se elettronico, è soggetto a variazioni delle sue caratteristiche e quindi a variazioni dei valori misurati dovute ad invecchiamento. Senza un'adeguata manutenzione gli autovelox non sono affidabili’: questa la motivazione della decisione della Corte Costituzionale che ha deciso di rendere nulle le multe degli autovelox. Le sanzioni emesse per aver superato i limiti di velocità devono,dunque, essere dichiarate nulle, devono essere rimborsati i cittadini che le hanno già pagate e devono essere restituiti i punti della patente a chi li ha persi a causa degli autovelox.

Secondo le associazione dei consumatori, si aprono grandi risarcimenti per i cittadini. A sollevare il dubbio di costituzionalità era stata la Cassazione, che nel giudicare il ricorso di un cittadino arrivato fino alla Suprema Corte, ha deciso di rimettere gli atti ai giudici costituzionali. All’attenzione della Corte l'articolo 45 del nuovo codice della strada nella parte in cui non prevede che tutte le apparecchiature per l'accertamento dei limiti di velocità, come gli autovelox, appunto, siano sottoposte a verifiche periodiche di funzionalità e di taratura.

Secondo la Corte, così com'è questa norma non va, perché non risponde ai requisiti di ragionevolezza, perché, come si legge nella sentenza, ‘i fenomeni di obsolescenza e deterioramento possono pregiudicare non solo l'affidabilità delle apparecchiature, ma anche la fede pubblica che si ripone in un settore di significativa rilevanza sociale, quale quello della sicurezza stradale. Appare evidente che qualsiasi strumento di misura, specie se elettronico, è soggetto a variazioni delle sue caratteristiche e quindi a variazioni dei valori misurati dovute ad invecchiamento delle proprie componenti e ad eventi quali urti, vibrazioni, shock meccanici e termici, variazioni della tensione di alimentazione. Quindi l’esonero da verifiche periodiche, o successive ad eventi di manutenzione, appare intrinsecamente irragionevole’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato nè utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply
T2 = 0,0000
T3 = 0,0000
T4 = 0,0000
T5 = 0,0000
T6 = 0,0000
T7 = 0,0000 > 30673,75 > 30673,75